Continua con l'attuale browser

Sembra si sta utilizzando un browser che non è completamente supportato. Si prega di notare che ci potrebbero essere limitazioni nella visualizzazione e usabilità del sito. Per una migliore esperienza vi consigliamo di scaricare l'ultima versione di un browser supportato:

Internet Explorer, Chrome Browser, Firefox Browser, Safari Browser

Continua col browser attivo

Life at Siemens

La grinta e il sorriso: storia di un ingegnere “camaleonte”

Classe 1977, nata a Milano, Simona Rossetti parla quattro lingue e vanta quindici anni di esperienza in Siemens, dove ha costruito una carriera di respiro internazionale. Da settembre 2017 è la nuova Responsabile della business unit Controls and Digitalization della Divisione Power Generation Services di Siemens Italia con sede a Genova.

image

Da piccola Simona non ha bambole: i suoi giochi preferiti sono le costruzioni. Il suo sogno? Fare l’astronauta: “Mi affascinavano le navi spaziali” spiega Simona “Ma soprattutto, volevo spingermi lontano, fino alle stelle!”.

 

Questa passione per la tecnica guida Simona fino alla laurea Ingegneria delle Telecomunicazioni al Politecnico di Milano. 

Già in questa fase intuisce che il successo non bussa semplicemente alla porta, ma va inseguito: per questo parte senza esitazione per l’Università di Karlsruhe, uno dei più rinomati atenei tedeschi, grazie al programma Erasmus.

 

A Karlsruhe Simona inizia la sua avventura in Siemens con la preparazione della tesi: mostrando una grande tenacia e un’ottima preparazione accademica, il suo talento non passa inosservato.  Simona è così assunta da Siemens in Germania, all’interno del Siemens Graduate Program: un percorso dedicato a giovani con un grande potenziale e pensato per una carriera su scala internazionale.

 

Da quel momento Simona è sempre pronta a fare le valigie: Stati Uniti, Malesia, Singapore sono solo alcune delle tappe della sua storia professionale. Il filo rosso di quest’esperienza è il confronto con ambienti e culture sempre nuove: per questo Simona si definisce “un camaleonte”.

Ho capito che avrei dovuto imparare ad adattarmi, per mettermi veramente in gioco. Desideravo raccogliere ogni sfida, anche quelle non strettamente professionali: una volta degli uomini mi hanno sfidato a mangiare insetti, perché volevano mettermi in difficoltà, sulla base dei loro stereotipi di genere. Ovviamente ho accettato, senza esitazioni! Ho dimostrato di essere forte, soprattutto a me stessa. Ho lottato per integrarmi in ogni contesto, cercando al tempo stesso di restare sempre Simona. Perché non volevo perdere il sorriso.

image

Dal 2005 al 2010 Simona ricopre il ruolo di Global Strategy and Marketing Manager, gestendo lo sviluppo del business in Sud Europa, Centro e Sud America.

 

Nei successivi tre anni si muove tra Germania e Stati Uniti come Sales e Product Manager per il mercato americano. In seguito si occupa del mercato energetico in qualità di Product and Business Development Manager.

 

Nel 2015 è nominata capo delle vendite per la business unit Controls and Digitalization, con responsabilità per l’Europa sud-occidentale.

 

Nel settembre 2017 diviene la nuova Responsabile della business unit Controls and Digitalization della Divisione Power Generation Services di Siemens Italia, con sede a Genova: “Siemens sa veramente valorizzare le carriere tecniche! Che tu sia uomo o donna, se sei determinato e credi veramente nell’innovazione, questa è l’azienda giusta”.

 

Tuttavia Simona non si considera l’unica protagonista della sua storia:

Ho un marito fantastico e due figli che amo alla follia. Non ho sentito l’esigenza di scegliere tra lavoro e famiglia: con molta organizzazione e tenacia ho potuto avere entrambe. Tutto questo è stato possibile con il sostegno di mio marito. Ad esempio, quando si è presentata l’opportunità di trasferirsi in Italia per il mio attuale ruolo, lui ha lasciato il suo lavoro in Germania perché io potessi fare questo importante salto di carriera. È anche grazie a lui che ho realizzato il mio sogno. Non sono diventata un’astronauta, ma ho davvero potuto spingermi lontano e toccare con mano le ultime frontiere della tecnologia.